Analisi tappa 8 Giro d’Italia

https://i0.wp.com/static2.giroditalia.it/wp-content/uploads/2017/03/T08_Peschici_alt-1.jpg

https://i0.wp.com/static2.giroditalia.it/wp-content/uploads/2017/03/T08_Peschici_plan-1.jpg

La Corsa Rosa risale lungo la Puglia fermandosi nel promontorio del Gargano, lo Sperone d’Italia. La tappa fiancheggerà la costa durante tutto il giorno, ma il vento nella zona dell’Adriatico non è solitamente un problema. Questa frazione mostra molte similitudini con la Reggio Calabria – Terme Luigiane, soprattutto nel finale. Mettere due percorsi così simili a breve distanza non è una buona scelta degli organizzatori secondo me visto che dovrebbero provare a variare più scenari possibili. La prima parte è piatta come un tavolo da biliardo, fino ai piedi del Monte Sant’Angelo. Ci dovrebbero essere velocità molto elevate visto che in tanti vorranno provare ad andare in fuga.

Meteo: Si prevede una giornata soleggiata, con vento piuttosto debole e di direzione variabile. Non dovrebbe avere un ruolo determinante nell’esito finale.

https://i2.wp.com/static2.giroditalia.it/wp-content/uploads/2017/03/T08_S01_MSAngelo_web.jpg

Un buon 2° categoria, con i primi 8,5 km al 6,8% di pendenza media. La fuga dovrebbe essersi già stabilizzata e qui potrebbe guadagnare terreno sul gruppo. La discesa è piuttosto tecnica, qualcuno potrebbe provare a rompere il gruppo, anche se manca tanto al traguardo. Successivamente troveranno una zona di sali-scendi, terreno scosceso che potrebbe rimanere nelle gambe di molti.

Finale Peschici 2

Percorso interattivo del finale

Gli ultimi 11 km sono decisamente interessanti, con la salita della Coppa del Fornaro divisa in due: il primo di 1,9 km al 5,4% di media e il secondo 1 km al 7%. Oltre a questi ci saranno altre zone in cui la strada salirà, terreno piuttosto complicato. Discesa molto rapida e con due tornanti stretti, un chilometro e mezzo di piano e si ricomincia a salire, questa volta verso il traguardo.

Il finale è lo stesso del 2006video (dove si scalava il Monte Sant’Angelo, puntando però direttamente verso l’arrivo e non verso Vieste) e del 2008video. In entrambi i casi arrivò la fuga e non è stato possibile studiare le dinamiche di un gruppo più grande. Comunque l’erta finale conta 1500 metri al 5,7% di media con gli ultimi 200 metri che si impennano al 10,5%. Va inoltre aggiunta la difficoltà apportata dalle 4 curve a 90° e i due tornanti nell’ultimo chilometro, importanti per il posizionamento e perché fanno perdere lo slancio, costringendo a spingere più watt per riprendere la velocità.

https://i2.wp.com/static2.giroditalia.it/wp-content/uploads/2017/03/T08_Peschici_ARR.jpg

Raffaele Filippetti (@raffilpt)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...