Liège – Bastogne – Liège, history and proposal

🇮🇹 Essendo questo ormai il mio terzo articolo con una proposta di percorso per la Liegi (alternativa 1alternativa 2) avrete capito che è una corsa a me cara, nonostante lo spettacolo degli ultimi anni non sia proprio dei migliori, per usare un eufemismo. Questa volta sono andato a scavare nel passato per provare a capire quali soluzioni vennero adottate, per far vedere che ci sono stati molti cambi e che non sempre quello che sembra tradizionale lo è. Andiamo quindi ad analizzare nel dettaglio i percorsi della Decana delle classiche, fin dai suoi albori, per poi risalire attraverso le novita più importanti introdotte dagli organizzatori. Ho usato gli editor di cronoescalada, ridewithgps e openrunner per tracce e profili, mentre la maggior parte delle foto viene dal fantastico archivio di @javigoros61, che vi consiglio di seguire.

🇬🇧 As this is my third article with a route proposal for Liège-Bastogne-Liège (alternative 1alternative 2) you may have understood that is a race that I like, despite the show of recent years wasn’t the best, to say the least. This time I went back in the past to try to understand what type of solutions were used, to show that there have been a lot of changes and that not everything is traditional as it could seem. So let’s analyze in detail La Doyenne’s routes, since the beginning, coming back through the most important novelties introduced by the organizers. I used cronoescalada, ridewithgps and openrunner editors for tracks and profiles, while most of the photos come from @javigoros61‘s fantastic archive, I suggest you to follow him.

LBL 1919

LBL 1919 storia

🇮🇹 La seconda edizione per i professionisti dopo quella del 1894, la prima dopo la Grande Guerra, era un semplice andata e ritorno da Liegi a Bastogne, seguendo alla lettera il nome della prova. La semplice ascesa di Xhoris e qualche altra salitella erano le uniche difficoltà previste dal percorso, però il meteo aveva altri piani: si riporta che ci fu una nevicata epica, con solo 6 corridori che riuscirono a concludera la prova, il primo in ben 9h20′!

🇬🇧 The second edition for professionals after the one of 1894, the first after the First World War, was a simple to and fro between Liège and Bastogne. The easy Xhoris ascent and some little hills were the only difficulties of the route, but the weather had other plans: according to reports, there was an epic snowfall, with only 6 riders capable of finishing the race, the winner in 9h20′!

LBL 1930

LBL 1930 storia

🇮🇹 Ho scelto il 1930 perché in questo anno Liegi ospitò anche i Mondiali (Circuiti mondiali) e gli ultimi 70 km furono praticamente gli stessi. Un deciso passo avanti rispetto al 1919, andando a scalare quelle che sono veramente le salite storiche della LBL: Mont Theux e Forges. La corsa fino a questo momento non era così famosa, diventò una delle gare più importanti quando nel 1951 entrò nel Challenge Desgrange-Colombo.

🇬🇧 I choosed the 1930 edition because that year the city of Liège hosted the World Championships too (WC collection) and the last 70 km were the same. There was a big improvement compared to 1919, climbing the real historic climbs of the LBL: Mont Theux and Forges.  The status of the race wasn’t so important back then, it became one of the biggest when it entered in the Challenge Desgrange-Colombo in 1951.

LBL 1969

LBL 1969 storia

🇮🇹 La prima delle quattro di Eddy Merckx, vinta andando all’attacco sulla Stockeu con il compagno di squadra Victor van Schil, arrivando al traguardo con un vantaggio di 8′ sugli inseguitori. Come potete vedere, ci sono state importanti aggiunte, come la sequenza Wanne, Stockeu, Haute-Levée, ma nel finale rimangono Mont Theux e Forges. Inoltre, invece di finire a Liegi, si sale verso Rocourt, andando a concludere nel velodromo, con lo strappo di Thier à Liège, piuttosto simile a quello di Ans. Ancora non avevano introdotto La Redoute. Video

🇬🇧 The first of the four successes of Eddy Merckx, won attacking with his teammate Victor van Schil on the Stockeu, arriving with a 8′ gap over the chasers. As you can see, there were some big additions, for example the sequence Wanne, Stockeu, Haute-Levée, but in the final there still were Mont Theux and Forges. This time, instead of finishing in Liège, they climbed to Rocourt, ending in its velodrome, passing the Thier à Liège côte, pretty similar to the Côte d’Ans. They still hadn’t tried La Redoute. Video

LBL 1969 Stockeu
Swerts, Merckx e Van Schil on the attack on the Stockeu.

LBL 1980

LBL 1980 storia

🇮🇹 Nel 1975 fu finalmente introdotta La Redoute e il percorso era molto simile a quello della mitica edizione del 1980, con Hinault che vinse sotto una fitta nevicata con ben 9’24” su Hennie Kuiper, in quello che è il miglior risultato dell’olandese nell’unico Monumento che non è riuscito a vincere. La sequenza finale Theux – Redoute – Forges è stata usata per molto tempo, con il traguardo poi in pianura.

🇬🇧 In 1975 the Redoute was finally added to the route and this was very similar to the one of the mythical 1980 edition, with the historic Hinault’s win under an heavy snowfall, with a 9’24” gap over Hennie Kuiper (it was the best result for the Dutch rider in the Doyenne, the only Monument that he wasn’t able to win). The final sequence Theux – Redoute – Forges with a flat finish was used for a long time.

LIEGE/BASTOGNE/LIEGE
Bernard Hinault in the middle of 1980 snowfall. Offside L’Equipe

LBL 1989

LBL 1989 storia

🇮🇹 Quella del 1989 fu l’ultima edizione in cui la Liegi non fu organizzata da ASO, visto che la società francese prese il comando nell’anno seguente. La parte iniziale era piuttosto mossa, ma ancora non si scalava la Côte de Saint-Roch, che fu introdotta nel 1990. I cambiamenti più importanti si concentravano nel finale, con Chambralles prima della Redoute e Sart Tilman (poi usata altre volte) dopo Forges. Il traguardo fu posizionato a Boulevard de la Sauvenière per l’ultima volta. Video

🇬🇧 The 1989 edition was the last one not organized by ASO, that took control of LBL the following year. The first part was pretty rolling, but they still didn’t climbed the Côte de Saint-Roch, added in 1990. The most important changes were grouped in the final, with Chambralles before the Redoute and Sart Tilman after Forges. The finish line was in Boulevard de la Sauvenière for the last time. Video

LBL 1989 Kelly Anderson Delgado (Cor Vos)
Anderson, Kelly, Delgado e Philipot in the lead on Sart-Tilman. Cor Vos, Pez Cycling

LBL 1991

LBL 1991 storia

🇮🇹 Nel 1991 ci fu l’ultimo finale a Liegi (e quindi in piano), più precisamente a Quai Mativa, con il traguardo che è stato poi spostato ad Ans dalla stagione seguente. Le grandi novità del finale erano la durissima Hézalles (profilo, fino al km 1) dopo il Wanne e il Lorcé prima della decisiva accoppiata Redoute-Forges. Video

🇬🇧 In 1991 the race ended in Liège for the last time, more specifically in Quai Mativa, with the finish line that was moved to Ans from the following season. The big novelties of the final were the really hard Hézalles (profile, until km 1) after Wanne and the Lorcé before the decisive pair Redoute-Forges. Video

LBL 1991 Argentin volata (Cor Vos)
An exulting Argentin in the last final in Liège, in front of Criquielion, Sørensen and Indurain. Cor Vos, CyclingTips

LBL 1992

LBL 1992 storia

🇮🇹 Primo arrivo ad Ans, ma il traguardo non era posto nella classica Rue Jean Jaurès, dopo la curva preferita di Daniel Martin, ma circa 3 km più in là, con una finale simile a quello del 1969. Da notare la sequenza Wanne (non fino in cima), Hézalles, Aisomont, Stockeu, Haute-Levée nella parte centrale, non a caso i distacchi alla fine furono importanti. Video

🇬🇧 First final in Ans, but the finish line wasn’t in the classic Rue Jean Jaurès, after Daniel Martin’s favourite turn, but almost 3 km further, with a similar final to the one of 1969. I would like to underline the sequence Wanne (not up to the real top), Hézalles, Aisomont, Stockeu, Haute-Levée in the middle part, it’s no coincidence there were huge gaps at the end. Video

DE WOLF
Dirk de Wolf on the attack at the bottom of the Côte d’Ans. Behind him Bernard, Cassani and Rooks. L’Avenir

LBL 1998

LBL 1998 storia

🇮🇹 Nel 1998 fu il turno della Côte de Saint-Nicolas, la salita degli italiani, con Michele Bartoli ad inaugurarla. Fu un’aggiunta importante, con gli organizzatori che misero un’ascesa dura vicino al traguardo, togliendo quindi protagonismo alla Redoute e invitando all’attendismo. Fortunatamente all’epoca i corridori continuavano ad attaccare senza paura, ma ai giorni nostri si vede quanto questa influenzi lo svolgimento. Il traguardo era già stato spostato in Rue Jean Jaurès. Video

🇬🇧 In 1998 it was the turn of Côte de Saint-Nicolas, the climb of the Italians, inaugurated by Michele Bartoli. It was an important addition, with the organizers that put an hard climb near the finish, moving the spotlights away from the Redoute and favouring the “waiting game”. Fortunately at the time the riders kept attacking without fear, but nowadays it’s clear how much this affect the development of the race. The finish line had been already moved to Rue Jean Jaurès. Video

https://www.pezcyclingnews.com/wp-content/uploads/2016/04/liege98-bartoli-920.jpg
Bartoli on the attack on Sart Tilman, surpassing Berzin, 1994 winner. Cor Vos, Pez Cycling

LBL 2008

LBL 2008 storia

🇮🇹 La Roche-aux-Faucons fu inserita nel percorso nel 2008, togliendo defitivamente il protagonismo alla Redoute, ma almeno animando la corsa in più di un’edizione, con i fratelli Schleck che erano soliti dare fuoco alle polveri su questa ascesa. Purtroppo nemmeno questa sembra funzionare oramai, con i favoriti che sempre più spesso attendono Saint-Nicolas o addirittura Ans. Video

🇬🇧 The Roche-aux-Faucons was put into the route in 2008, finally taking away the protagonism to the Redoute, but at least it destroyed the peloton in some edition, with the Schelck brothers that usually went all guns blazing there. Unfortunately it seems that it’s not working anymore, with the favourites that more and more often wait for Saint-Nicolas or even Ans. Video

https://lasterketaburua.files.wordpress.com/2015/12/lbl-2008-schlecks.jpg
Schleck on the attack on Roche-aux-Faucons. Cor Vos, Pez Cycling

***

🇮🇹 Si è già parlato molto di un cambio di finale per la Doyenne visto che il contratto con la città di Ans è giunto al suo termine e sembra che non verrà rinnovato. Sarebbe quindi ora di tornare ad arrivare a Liegi, magari giungendo da Chênée, senza dubbio un avvicinamento molto più bello rispetto a quello tra le fabbriche e lo stadio dello Standard e anche decisamente più storico. Passiamo alla proposta.

🇬🇧 A lot has been already said about a change in the final of the Doyenne since the contract with the city of Ans has come to an end and it seems that it won’t be renewed. So it would be time to come back to Liège, possibly passing from Chênée, surely a way better approach to the city compared to the one through the factories and the Standard stadium and clearly more historical too. Let’s talk about the proposal.

LBL alternativa 2018

https://ridewithgps.com/routes/full/26620857.png

Mappa interattiva

🇮🇹 A spiccare è sicuramente l’arrivo in piano e una parte centrale molto carica, come da tradizione: infatti la zona finale è sempre stata più leggera e questo ha favorito attacchi da lontano. L’indurimento degli ultimi km ha sì mantenuto i vallonari-scalatori come favoriti, ma al prezzo di bloccare la corsa, giunta all’attendismo massimo negli ultimi tempi. Andata verso Bastogne piuttosto classica con Samree e Côte de la Roche en Ardenne, ma è da Vielsam che inizia la parte più impegnativa.

🇬🇧 The flat finish and the heavy middle part, that follows the tradition of the race because the final zone has always been easier, encouraging the long range attacks, are what surely stand out. The constant hardening of the final kept the punchy-climbers as the favourites, but progressively blocked the race, that reached maximum levels of passivity in the last few years. The first section is more or less classical, climbing Samree and the Côte de la Roche en Ardenne, but it’s from Vielsam that the most challenging part really starts.

Parte centrale LBL alternativa 2018 2
Profilo dettagliato della parte centrale, fatto con openrunner

🇮🇹 Questa zona dovrà essere assolutamente sfruttata dagli scalatori, per evitare uno sprint più o meno ristretto nelle strade di Liegi, quindi la corsa si potrebbe accendere a circa 90 km dal traguardo, qualcosa di totalmente impensabile guardando le ultime edizioni. La Côte de Wanne aprirà le danze, ma è sulle terribili rampe della Thier de Coo che il gruppo potrebbe saltare per aria. A seguire, senza praticamente un metro di pianura, Stockeu (fino in cima), Ronxhi, Combes e Rosier. L’obiettivo di tanta durezza è ridurre al minimo i gregari e lasciare soli i leader, oltre ad invitarli ad attaccare. Come mostrato dalle classiche del pavè, le situazioni più interessanti sono di gran lunga quelle con poco controllo e questa sezione centrale va in quella direzione.

🇬🇧 The climbers must make the most of this section to try to avoid a reduced bunch sprint in Liège’s streets, so the race could be on at almost 90 km from the finish line, something totally unthinkable watching last years editions. The Côte de Wanne will be the first climb of the sequence, but it’s on the terrible ramps of the Thier de Coo that the peloton could really be destroyed in pieces. Then there will be, almost without a meter of flat, Stockeu (until the real top), Ronxhi, Combes and Rosier. The target of a so hard section is to try to isolate the leaders and encouraging them to attack. As the cobbled classics showed, the most interesting situations are surely the ones with chaos and disorder and this part part of the route wants to create the ideal conditions for this to happen.

Finale LBL alternativa 2018 2
Profilo dettagliato del finale, fatto con openrunner

🇮🇹 Arrivati a Spa dopo la lunga discesa della Rosier, si punta verso il Maquisard, di nuovo senza praticamente un metro di pianura, per poi giungere ad Hautregard passando per Rue Queue du Bois, strada ben più stretta e pendente di quella solita, sfavorendo così gli inseguitori. Il gruppo dovrebbe quindi arrivare alla Redoute già molto scremato, ma soprattutto con un’altra mentalità: questa è l’ultima côte veramente dura su cui fare la differenza, non essendoci Roche-aux-Faucons o Saint-Nicolas da aspettare. La cima della più famosa ascesa della Doyenne si troverebbe a 27 km dal traguardo e non a 34 come negli ultimi anni. A seguire c’è la classica breve ascesa dopo Sprimont (Hornay), ma invece di scendere verso Méry ad ovest, si punta verso Forges ad est. Non si fa tutta la discesa, ma ci si ferma all’incrocio con Rue de la Drève, con una terribile rampa di 600 metri a quasi il 10%, non sufficientemente impegnativa da impaurire e far attendere i corridori, ma ottima per rompere l’accordo tra gli inseguitori o per creare situazioni tattiche interessanti. Senza soluzione di continuità si scende verso Le Péry, per poi risalire a Beaufays attraverso un’ascesa regolare, l’ultima côte di giornata.

🇬🇧 After the long descent of the Rosier till Spa, the riders would turn towards the Maquisard, again almost without flat, and then enter in Hautregard passing through a way steeper and narrower road (Rue Queue du Bois) than the one that it’s usually used, helping the escapees. The peloton should then arrive at the bottom of the Redoute way smaller than usual, but above all with a different attitude: this would be the last really hard côte where they can try to make the difference, as there aren’t Roche-aux-Faucons or Saint-Nicolas to wait for. The most famous climb of the Doyenne would be topped with 27 km to go, not with 34 like in recent years. Then there is the classic ascent after Sprimont (Hornay), but instead of descending west towards Méry, they would turn east towards Forges. The riders wouldn’t descend all the way, but would enter Rue de la Drève that has a terrible 600 meters ramp at 10% average, not hard enough to scare the riders, but great to break the agreement among the chasers or to start some interesting tactical situation. Seamlessly they would descend to Le Péry and then climb towars Beaufays through a steady ascent, the last côte of the race.

Ultimi 5 km LBL alternativa 2018
Dettaglio degli ultimi 5 km, fatto con cronoescalada

🇮🇹 Dopo la discesa pedalabile, in cui i fuggitivi dovranno trovare l’accordo, si arriva Chênée, per poi puntare all’ultima trappola di giornata: il dentello dell’Avenue Jean Hans. Questa è una brevissima asperità (solo 550 metri), ma può offrire la possibilità a qualcuno di far saltare il compagno di fuga più veloce o di provare un’azione da finisseur, rendendo così il finale trepidante. La lunga retta conclusiva (1350 metri) è uno stradone circondato da case, il che può ricordare vagamente la mitica Via Roma.

🇬🇧 After the easy descent, where the attackers must work together, they would enter Chênée and then tackle the last trap of the day: the bump of Avenue Jean Hans. This is a very short climb (just 550 meters), but it could offer the opportunity to someone who want to drop the faster breakaway companion or to try a finisseur attack, providing a thrilling finale. The long final straight (1350 meters) is a wide road surrounded by buildings, vaguely recalling the mythical Via Roma.

Questo slideshow richiede JavaScript.

🇮🇹 In definitiva, un percorso più aperto di quello delle ultime edizioni, con la durezza concentrata relativamente lontano dal traguardo e l’arrivo in discesa, per costringere i più forti ad attaccare per evitare una volata, riportando la corsa al livello di spettacolo che ha avuto in passato e che si merita.

🇬🇧 Ultimately, a route with a more open outcome, with the hardness concentrated relatevely distant from the finish line and with a flat finale, to force the strongest riders to attack from afar to avoid the sprint, giving back to the race the entertainment that it had in the past and that it deserves.

Raffaele Filippetti (@raffilpt)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...