Analisi tappa 19 Giro d’Italia

https://i1.wp.com/static2.giroditalia.it/wp-content/uploads/2017/03/T19_Piancavallo_alt-1.jpg

https://i2.wp.com/static2.giroditalia.it/wp-content/uploads/2017/03/T19_Piancavallo_plan-1.jpg

Quarta tappa alpina consecutiva. 191 km più semplici per dislivello compessivo rispetto agli altri giorni, ma con una salita finale veramente dura. Una delle ultime possibilità per gli scalatori di fare la differenza, a solamente tre tappe dalla fine della Corsa Rosa.

Meteo: Giornata di nuovo calda, con vento leggero previsto contrario per quasi tutta la tappa. Nell’ultima salita invece fortunatamente dovrebbe soffiare favorevolmente alla marcia dei ciclisti.

Partenza San Candido - Piancavallo 2

Percorso interattivo dei primi chilometri

Il gruppo partirà subito in salita, con il Passo di Monte Croce Comelico da affrontare. Salita non impegnativa, ma in cui probabilmente si ripeterà il caos delle ultime tappe per entrare in fuga. Dopo la picchiata verso Santo Stefano di Cadore i ciclisti punteranno verso Sappada, famosissima per il “tradimento” di Roche a Visentini nel 1987, non segnata come GPM.

https://i2.wp.com/static2.giroditalia.it/wp-content/uploads/2017/03/T19_S00_Chianzutan_web.jpg

Il Chianzutan è un normale 2° categoria posto a 86 km dal traguardo. Difficile vedere qualcosa di sorprendente.

https://i1.wp.com/static2.giroditalia.it/wp-content/uploads/2017/03/T19_S01_Piancavallo_web.jpg

Profilo interattivo

Gli occhi di tutti saranno sulla salita finale. Parte molto dura, con i primi 6 km al 9,4% di media, tra cui 1000 metri a più dell’11%. Nella seconda parte si alleggerisce un po’, quindi distruggere le gambe degli avversari all’inizio per poi ampiare i distacchi nel finale potrebbe rivelarsi proficuo. Per caratteristiche ricorda l’ascesa di Pierre Saint Martin, affrontata nel Tour 2015. Nel 1998 Pantani realizzò una scalata incredibile, ma non riuscì ad aprire distacchi esagerati sui più immediati inseguitori – profilo, video, tempo.

https://i1.wp.com/static2.giroditalia.it/wp-content/uploads/2017/03/T19_Piancavallo_ukm_web.jpg

Come detto, nel finale spiana, con gli ultimi 1500 metri che sono proprio pianeggianti.

https://i1.wp.com/static2.giroditalia.it/wp-content/uploads/2017/03/T19_Piancavallo_ARR-1.jpg

Raffaele Filippetti (@raffilpt)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...