Possibilità per Innsbruck 2018

(Scorrete in fondo per gli aggiornamenti più recenti)

La notizia dell’assegnazione dei mondiali 2018 alla città di austriaca Innsbruck porta la speranza di tornare a vedere, dopo ben 24 anni (Duitama 1995), una corsa iridata adatta agli scalatori. Effettivamente in questo lasso di tempo abbiamo assistito in solamente tre occasioni (Lugano 1996, Mendrisio 2009 e Firenze 2013) a tracciati degni di essere definiti duri, mentre più volte si è preferito favorire volate di gruppi ristretti. Si sono raggiunti livelli ridicoli quando l’UCI ha rifiutato le proposte degli organizzatori di Ponferrada 2014 di adottare il circuito del Lombillo, anche solo negli ultimi due giri, perché ne sarebbe risultato “un Mondiale poco interessante con meno di 10 corridori a giocarsi l’ultimo giro” (intervistacommento PlataformaRC), favorendo chiaramente un certo tipo di corridori a dispetto di altri.

https://i2.wp.com/d7ab823tjbf2qywyt3grgq63.wpengine.netdna-cdn.com/wp-content/uploads/2010/08/61.jpg
Pantani, Rincon e Indurain durante il Mondiale di Duitama. Velominati

L’analisi a seguire è totalmente ipotetica e si basa sulle anticipazioni riportate da directvelo, mesi prima dell’annuncio ufficiale, ma può essere utile per farsi un’idea. Tutto questo sperando che l’Unione Ciclistica Internazionale non torni a metterci lo zampino.

Nell’articolo si parla di una partenza da Kitzbühel seguita da circa 90 km in linea per raggiungere il circuito iridato, stessa scelta usata dagli organizzatori di Geelong, Firenze e Doha in tempi recenti. Considerando che la lunghezza totale è solita oscillare tra i 250 ed i 270 km, ne restano circa 170 da percorrere su un “percorso di una ventina di chilometri attorno ad Innsbruck”, quindi probabilmente i giri da ripetere saranno otto. Directvelo aggiunge che il dislivello sarà “compreso tra 4000 e 4500 metri” accumulati su una salita di circa 8 km. Per fare un paragone, la salita di Duitama era di 4,2 km, sebbene è necessario aggiungere che questa presentava pendenze più dure di quelle che dovrebbe avere l’ascesa austriaca.

Entrando nel dettaglio, propongo quella che potrebbe essere l’idea iniziale degli organizzatori.

Kitzbühel – Innsbruck

Innsbruck 2018

Circa 4100 metri di dislivello per 259,6 km costituiscono un percorso decisamente duro che si sviluppa intorno alla capitale del Tirolo e che ha come protagonista l’asperità di Igls (7,5 km al 5,5%). Aggiungendo un ulteriore giro si raggiungerebbero 280 km con 4560 metri di ascesa.

Circuito Innsbruck 2018
(click sull’immagine per andare al percorso interattivo)

D’altro canto è necessario aggiungere che sia l’ex ciclista Thomas Rohregger, ora collaboratore con gli organizzatori, sia l’account twitter della corsa hanno più volte annunciato (linktweet 1tweet 2) che i metri di dislivello sarebbero addirittura 5000.

AGGIORNAMENTO DEL 27/04/16: Su un sito di indiscrezioni sulla corsa è stata ufficializzata la salita protagonista del circuito ed in gran parte coincide con quella che vi avevo anticipato quasi tre mesi fa.

Patsch
Il profilo, fatto con l’editor di cronoescalada, è solo indicativo visto che non è stato usato un file .gpx ottenuto con un Garmin o simili

Segmento Strava

AGGIORNAMENTO DEL 23/12/16: Arrivano ulteriori indiscrezioni sul percorso della prova iridata austriaca. Si parla (sono notizie non ufficiali) di un cambio nella località di partenza (non più Kitzbühel, ma Kufstein) e di alcune importanti informazioni sul circuito. Sembra che si arriverà davanti all’Hofburg, dopo essere passati dall’Arco di Trionfo e su un dentello sulla Höttinger Gasse, a soli 3,5 km dal traguardo, con la salita di Patsch che si troverebbe quindi ai -13,5 km. A seguire il profilo generale della corsa e quello dettagliato del circuito.

innsbruck-2018-2

innsbruck-2018-circuito

innsbruck-2018-circuito-2

Mappa interattiva del circuito

Per fare un confronto con gli altri tracciati iridati -> Circuiti mondiali

I metri di dislivello positivo totali sfiorerebbero i 4300 metri. Nell’articolo linkato in precedenza è riportata anche una notizia molto importante: gli ultimi due giri potrebbero prevedere un circuito diverso da quello analizzato sopra. Quindi invece di 7 giri, ce ne sarebbero 5 con la salita di Patsch e 2 con un percorso differente. Questa decisione viene generalmente presa quando si vuole passare su una salita molto dura e/o con strada stretta, per evitare di indurire eccessivamente il tracciato. Visto che però non si hanno ulteriori informazioni è meglio non anticipare troppo i tempi.

Si è parlato anche delle prove contro il tempo. A seguire una bozza di quelli che potrebbero essere i percorsi:

TTT maschile

ITT donne e under uomini

Per la crono individuale maschile si hanno meno informazioni ma tra le possibilità c’è quella di scalare l’asperità che porta a Schlögelsbach (∼2,8 km al 10% nella parte finale), che verrà affrontata probabilmente anche nella prova su strada. Comunque ci si può aspettare un tracciato duro e sarebbe il secondo consecutivo dopo quello di Bergen.

AGGIORNAMENTO DEL 09/01/17: Importantissime informazioni da Innsbruck. Mi è stato rivelato il percorso speciale per gli ultimi due giri che vi avevo anticipato la scorsa volta ed è veramente molto duro, sarebbe di gran lunga il circuito più impegnativo mai affrontato in un Mondiale di ciclismo su strada. Le indiscrezioni ci sono state confermate da Christoph Kluge, il cui sito avevo già citato in precedenza e che non finirò mai di ringraziare. Il circuito sarebbe stato proposto all’UCI dagli organizzatori, ma non è ancora stato approvato. Passiamo ad analizzarlo.

innsbruck-2018-circuito-finale

innsbruck-2018-circuito-finale-2

Mappa interattiva del circuito

Si ripete il circuito precedente, con la lunga ascesa di Patsch, fino alla Höttinger Gasse, dove, invece di girare a destra verso il traguardo, si punta verso la Gramartstrasse. Viene definita la “salita dell’inferno” perché ci sono 400 metri brutali, con una pendenza media del 17%. Il segmento Strava si chiama Hölle, che significa appunto Inferno. Ma questa scalata è molto di più: circa 2,8 km a più dell’11% di media, con 1,8 km centrali a più del 13%. Numeri che fanno paura. Per fare una paragone, è decisamente più dura della Côte de Domancy, la salita del terribile mondiale di Sallanches 1980. Al traguardo mancherebbero 8,4 km, di cui 5,5 in tecnica discesa.

https://ridewithgps.com/routes/full/18385908.png

Mi è stato detto che il GPS è stato visionato da persone legate agli organizzatori e queste hanno riferito che il tracciato proposto sarebbe praticamente questo.

Il profilo generale della prova sarebbe quello seguente e si raggiungerebbero i 5000 metri di dislivello tanto annunciati. Tutto questo, ripeto, in attesa dell’approvazione della proposta da parte dell’UCI.

innsbruck-2018-3

Il percorso sarebbe veramente terribile, durissimo. Qualcuno potrà trovarlo eccessivo, ma, dopo anni in cui l’UCI ha volontariamente favorito una fascia di corridori (i velocisti resistenti), come dimostrato dal caso di Ponferrada 2014 precedentemente citato, un tracciato così estremo sarebbe una ventata d’aria fresca.

Raffaele Filippetti (@raffilpt)

5 pensieri su “Possibilità per Innsbruck 2018

  1. Pingback: Circuiti mondiali – Lasterketa Burua

  2. Pingback: News von der Strecke - Rad WM Innsbruck 2018

  3. Pingback: Mondiaux – Innsbruck 2018 : Un possible tracé révélé - VéloPro

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...